MACERATA TRAVOLGE LAGONEGRO

MACERATA TRAVOLGE LAGONEGRO

La sfida tra le prime due della classe, nella sesta giornata di ritorno del campionato di A3, se l'aggiudica Macerata.  

La capolista travolge 3-0 una Rinascita Lagonegro al di sotto delle proprie possibilità che ha ceduto in maniera netta al cospetto dei marchigiani. La sconfitta fa scivolare il sestetto lucano dal secondo al quarto posto in classifica nel girone Blu. 
Casaro e Lazzaretto hanno preso per mano i compagni mettendo a terra i palloni decisivi (rispettivamente 15 e 18 punti). Dall'altra parte della rete non all'altezza di precedenti prestazioni l'opposto Vaskelis, impreciso e poco concreto in attacco, autore di soli cinque punti. Ma tutta la Rinascita ha offerto una prova poco convincente, al di là del valore degli avversari. Ne sono lo specchio le percentuali in attacco e ricezione delle due squadre: alte per Macerata in attacco (57 per cento) e pure in ricezione (73 per cento), davvero basse per Lagonegro che in ricezione fa registrare il 40 per cento e in attacco appena il 33 per cento. Così, il match scivola via senza troppi sussulti dalla parte dei marchigiani che cancellano la prestazione in campionato non proprio positiva della settimana scorsa a Palmi. 
Macerata scende in campo con il sestetto tipo: Marsili - Casaro la linea palleggiatore-opposto, gli schiacciatori sono Zornetta e Lazzaretto, Fall e Sanfilippo al centro e Gabbanelli libero. Coach Pino Lorizio risponde con Piazza in diagonale con Vaskelis, Armenante e Fioretti laterali, Miscione e Molinari al centro e Fortunato nel ruolo di libero. 

L'approccio da parte dei biancorossi lucani non è così negativo. L'avvio nel primo set, infatti, è equilibrato (6-6). Poi , però, inizia il monologo di Macerata, che scappa nello score e non si fa più riprendere. Punto dopo punto, salgono le percentuali degli uomini di Castellano. L'opposto Casaro e il laterale Lazzaretto iniziano a martellare forte e i centrali (in  particolar modo il temuto Bara Fall) fanno la voce grossa a  muro. A firmare il primo break e Sanfilippo che porta Macerata sull'11-8. Lorizio chiama un time out per spezzare il ritmo, ma Macerata non ne subisce le conseguenze, anzi allunga rapidamente fino al 16-10.

La timida reazione biancorossa (16-12)  spinge anche Castellano a chiamare i suoi in panca e la mossa si rivela azzeccata: al rientro sul parquet, infatti, quattro punti consecutivi per i padroni di casa che si portano (20-13), approfittando anche dei tanti errori in battuta dei lagonegresi. Fioretti e Vaskelis provano ad accorciare il punteggio (24-20), ma l'argentino Zornetta (tra i migliori in campo) mette le cose a  posto e chiude sul 25-20.

Nel secondo parziale sono ancora i padroni di casa a partire meglio: 5-1 grazie ad un bel turno al servizio di Casaro.  Ancora Zornetta blocca a muro  un attacco di Vaskelis (8-2). Lorizio è costretto a chiamare un time out e la scelta si rivela efficace. Il break, infatti,  permette ai lucani di rientrare in partita grazie ad un buon turno a servizio di Vaskelis (13-11). Ma l'illusione dura poco: Macerata cancella subito il passaggio a vuoto e torna a proporre il suo gioco  aggressivo mostrato nei primi due set.

La nuova fuga arriva sul 17-12 con un muro al centro del regista Marsili. Neanche l'ingresso di Mastrangelo (autore di un ace) dà una scossa agli uomini di Lorizio: si chiude sul 25-18.

La Rinascita cede definitivamente nel terzo e ultimo parziale della partita e così il monologo di Macerata si completa alla perfezione. Lorizio ne approfitta per dare minutaggio a chi fino ad ora ha giocato meno, come Bongiorno (al posto del deludente 
Vaskelis) e Dietre. Il 25-13 è un punteggio fin troppo severo,  ma è il frutto della totale superiorità della capolista.

Banca Macerata - Rinascita volley Lagonegro 3-0 

Banca Macerata: Marsili(5), Orazi, Pahor, Fall 
Bara(3), Penna, Casaro(15), Sanfilippo(9), Scrollavezza, 
Ravellino(L), D’Amato, Gabbanelli(L), Zornetta(9), 
Lazzaretto(18). 
 Allenatore: Maurizio Castellano 

Rinascita Lagonegro: Caletti(L),Fortunato(L), 
Vaskelis(5),Bongiorno(3),Miscione(3), 
Piazza,Mastrangelo(1),Molinari(4), Fioretti(6), 
Armenante(6), Nicotra(1), Pizzichini, Dietre 
Allenatore: Giuseppe Lorizio 

Arbitri Giovanni Ciaccio e Luca Grassia

Progressione set: 25-20 in 30'; 25-18 in 26'; 25-13 in 23', per un totale di 1 h e 19 minuti 

RISULTATI

Leo Shoes Casarano-Smartsystem Fano 3-2 (23-25, 21-25, 27-25, 25-19, 28-26); Just British Bari-OmiFer Palmi 0-3 (23-25, 24-26, 22-25); Banca Macerata-Rinascita Lagonegro 3-0 (25-20, 25-18, 25-13); Shedirpharma Sorrento-Aurispa DelCar Lecce 0-3 (25-27, 22-25, 15-25); Tim Montaggi Marcianise-Erm Group San Giustino 0-3 (24-26, 24-26, 17-25); Avimecc Modica-Plus Volleyball Sabaudia 1-3 (27-29, 25-17, 16-25, 20-25). 

Riposa: QuantWare Napoli

CLASSIFICA

Nome, Punti, PG, PV, PP, SV, SP
Banca Macerata 43 17 15 2 49 19
Erm Group San Giustino 35 18 12 6 44 30
Smartsystem Fano 34 18 12 6 42 29
Rinascita Lagonegro 34 18 11 7 40 27
OmiFer Palmi 31 17 11 6 40 28
Avimecc Modica 25 18 8 10 33 35
QuantWare Napoli 22 17 7 10 31 38
Leo Shoes Casarano 22 17 7 10 30 39
Shedirpharma Sorrento 21 17 8 9 30 37
Aurispa DelCar Lecce 21 17 7 10 31 36
Plus Volleyball Sabaudia 20 17 6 11 30 41
Just British Bari 16 18 4 14 27 47
Tim Montaggi Marcianise 15 17 5 12 23 44

Prossimo turno 
Rinascita Lagonegro - Smartsystem Fano 
Aurispa DelCar Lecce - Banca Macerata
Plus Volleyball Sabaudia - Leo Shoes Casarano
OmiFer Palmi - Shedirpharma Sorrento
Erm Group San Giustino - QuantWare Napoli
Avimecc Modica - Tim Montaggi Marcianise 

Riposa Just British Bari


ARTICOLI CORRELATI ▶